Chiusa di Pannone Antonelli

Chiusa di Pannone
Montefalco Sagrantino

Denominazione di Origine Controllata e Garantita

Per “chiusa” si intendeva un oliveto circoscritto spesso delimitato da muretti in pietra. Anche la Chiusa di Pannone lo era, mentre oggi è la singola vigna usata in esclusiva per l’omonimo vino.

Varietà
Sagrantino 100% da nostra selezione massale.

Prima annata di produzione
2003

Vigneto
Chiusa di Pannone (ettari 2,70). Anno di impianto 1995. Altitudine 400 metri s.l.m. Esposizione a sud, filari orientati secondo la pendenza. Sesto di impianto con circa 5.000 viti/ettaro). Terreno di origine pleistocenica, argilloso calcareo, ricco di ghiaie e conglomerati fluvio lacustri.

Vendemmia
Generalmente a fine ottobre con raccolta manuale delle uve.

Vinificazione
Riempimento delle vasche di macerazione per gravità, previa cernita delle uve. Fermentazione sulle bucce per 3-4 settimane; fermentazione malolattica svolta in legno.

Affinamento
Matura per almeno 30 mesi in botti di rovere prevalentemente grandi. Prima del’imbottigliamento sosta in vasche di cemento per alcuni mesi.

Degustazione
Colore rosso rubino intenso. Olfatto ricco e potente, etereo e molto complesso. Tipicamente caratterizzato da note di frutta ed erbe aromatiche, dove spiccano agrumi, ciliegia, frutti di bosco, menta e origano. Al palato è un vino molto strutturato, con un tannino deciso e integrato. Vino che si esprime al meglio con un lungo affinamento in bottiglia.

Abbinamenti
Accompagna grigliate ed arrosti, carni rosse brasate o stufate, cacciagione e formaggi a pasta dura stravecchi.

Periodo ottimale di consumo
Il Montefalco Sagrantino generalmente raggiunge la piena maturità dopo 10-15 anni dalla vendemmia ed è in grado di affinarsi in bottiglia per oltre 30 anni.

Temperatura di servizio
18°C

Disponibile nei formati
0,75 litri, in cassa di legno da 6 bottiglie; 1,5 litri in astuccio in legno.

Scheda tecnica